Fegato

Didascalia

Credits a  SME - Diagnostica per immagini Varese

L'Elastografia e' una metodica diagnostica ad ultrasuoni in grado di valutare in modo non invasivo il grado di elasticita' dei tessuti. Al pari dell’ecografia, della quale è complementare e dalla quale non può prescindere, è innocua e fornisce informazioni in tempo reale.
L’applicazione in campo medico dell’elastografia parte da due presupposti fondamentali: il primo che esistono differenze significative nelle proprietà meccaniche dei vari tessuti; il secondo che molte patologie determinano un cambiamento dell’elasticità tessutale. In linea di massima i tessuti “benigni” hanno caratteristiche “elastiche”; al contrario i tumori e i processi infiammatori cronici determinano una riduzione dell’elasticità tessutale. Le epatopatie croniche sono un tipico esempio, in quanto il danno da esse causato determina aumento della matrice extracellulare, con conseguente sviluppo di fibrosi che può progredire sino alla cirrosi. La presenza della fibrosi rende il fegato meno elastico; la rigidità del parenchima, indicata anche come “stiffness”, rappresenta pertanto un indicatore del grado di fibrosi; il suo progressivo incremento esprime la progressione di malattia. 
L’elastografia è in grado di misurare accuratamente la rigidità o “stiffness” tessutale. L’analisi della rigidità del fegato può essere eseguita nel corso di un esame ecografico di routine, purchè si disponga dell’apparecchiatura adeguata. L’operatore esegue una serie di misurazioni della durata di pochi secondi e calcola il valore medio espresso in kiloPascal (kPa).
L’elastografia, grazie all’elevata accuratezza, è utile per valutare la rigidità (stiffness) del fegato nel sospetto di fibrosi epatica post-epatitica da virus B o C e in altre epatopatie non virali. 
Può inoltre essere utilizzata per valutare lo stiffness parenchimale nelle steatosi epatiche (fegato grasso): in tal caso esprime l’insieme di diversi fattori che possono contribuire allo stiffness in quanto possono coesistere fibrosi, necrosi cellulare, steatosi ed infiltrato infiammatorio.
In linea generale l’elastografia shear wave può limitare o evitare le biopsie epatiche in un significativo numero di casi.

Last Edit: 08/07/2017 10:47pm
Print