Pupo anca300.jpg

Didascalia

L'indagine ecografica necessita di una metodologia rigorosa e opportuna strumentazione. Sonda, apposita culla, ambiente sono particolarmente studiati per rendere piacevole e in particolare rapida l'esecuzione dell'esame.

Se non è disturbato il neonato accetta bene questo momento, ma comunque è meglio non protrarre i tempi concessi dalla sua pur volenterosa collaborazione.

La rappresentazone grafica dell'esame deve essere effettuata su immagini abbastanza grandi che contengano tutti i punti di orientamento: infatti se necessario si tracciano misurazioni sulle foto per rappresentare in valori angolari il grado di maturazione ossea.
Le immagini ecografiche devono essere chiaramente visibili per monitorare, in caso di trattamento, l'efficacia della terapia.

L'introduzione dell'esame ecografico rappresenta una notevole conquista medica perché ha anticipato sensibilmente i tempi in cui si può diagnosticare la displasia riducendo entità e tempi di terapia da mettere in atto: non è più necessario con l'introduzione dell'esame ecografico, se eseguito con metodo preciso, anche nei casi più rilevanti ricorrere alla chirurgia.

 

E ..non solo l'anca

Last Edit: 30/05/2011 11:29am
Print